martedì 29 gennaio 2013

Multipli, divisori, numeri primi - classe quarta

Riprendiamo la tabella della moltiplicazione per compiere alcune altre osservazioni circa i multipli.

Notiamo che i multipli di un numero sono i prodotti della moltiplicazione di quel numero. Ad esempio quali sono i multipli di 2?
I multipli di 2 sono: 2, 4, 6, 8, 10, 12, 14, 16, 18, 20, 22, 24, 26, 28, 30, ...........
I multipli di 3 sono: 3, 6, 9, 12, 15, 18, 21, 24, 27, 30, 33, 36, 39, 42, ............
Ci accorgiamo che i multipli di un numero sono infiniti. Perché?
Vediamo anche che alcuni numeri possono essere multipli di più di un numero.
Osserviamo anche la tabella della divisione. Si chiamano divisori di un numero quelli che lo dividono esattamente, senza resto.
2 è divisore di 10 perché 10 : 2 = 5
3 è divisore di 21 perché 21 : 3 = 7
Notiamo il rapporto tra multipli e divisori
Proponiamo alcuni esercizi
Riconsideriamo la tabella della divisione; quali altre osservazioni possiamo compiere?
Vediamo che ci sono numeri che hanno come divisori solo "1" e se stessi, mentre altri numeri hanno più divisori. I numeri che sono divisibili solo per "1" e per se stessi si dicono numeri primi. Il numero "1" ha un solo divisore, pertanto non è considerato un numero primo.
Diamo la caccia e scoviamo quali sono i numeri primi nascosti tra 1 e 10.
Come facciamo a sapere quali altri numeri primi ci sono? Ecco una tabella, detta crivello (cioè “setaccio” ) di Eratostene, per trovare i numeri primi tra 1 e 100.
Opera così: colora l'"1" che non è un numero primo, colora i multipli di 2 ma non il 2, i multipli di 3 ma non il 3, i multipli di 5 ma non il 5, i multipli di 7 ma non il 7. Le caselle non colorate contengono i numeri primi. Fai clic per stampare il crivello.

Una lezione per Lim Smart su multipli, divisori e numeri primi
Vedi U. A. di riferimento

19 commenti:

  1. Ho scoperto il tuo sito da poco e devo farti i complimenti per l'ottimo materiale, ben organizzato e perciò facile da consultare. Per me che (dopo quasi trent'anni di ruolo!) insegno matematica per la prima volta sono molto utili sia le definizioni che gli esempi di esercizi da proporre, i materiali pronti ed i link ad altri siti o ad attività interattive. Grazie alla tua disponibilità a condividere l'esperienza con chi (come me ) non ne ha. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io ringrazio te per le tue parole, che incoraggiano a proseguire in uun'attività stimolante ma molto impegnativa. Grazie!

      Elimina
    2. Ma a cosa serve questo tipo di ragionamento e a cosa introduce? Mio figlio le sta facendo in terza elementare in più hanno introdotto dei cosiddetti trucchetti matematici di divisibilità...La classe è in crisi e anche noi genitori...inoltre c'è differenza tra divisore e divisibilità?

      Elimina
    3. Non sempre gli oggetti dell'insegnamento matematico hanno un'utilità pratica evidente: in generale la matematica serve a sviluppare il pensiero logico, la capacità di astrazione, ecc. ecc. Il discorso su numeri primi, multipli e divisori preparerà gli alunni ad affrontare nella scuola secondaria di 1° i concetti di minimo comune multiplo, massimo comune divisore, necessari per poi svolgere operazioni tra frazioni. Il divisore è il numero per cui si divide, ad esempio 75 : 5, 5 è il divisore mentre i criteri di divisibilità permettono di capire se un numero è divisibile o meno per 5, ad esempio. Quindi 5 è il divisore, 75 è divisibile per 5.

      Elimina
  2. Fatto bene! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Sono svariati anni che insegno. Anche se ho insegnato con ottimi risultati tutte le discipline, la mia passione è la matematica. Ho trovato molto interessante il tuo sito, ma io presento tutte le operazioni con il multibase compreso le divisioni con il divisione di due cifre. Penso che gli alunni, operando praticamente , passino poi all' astrazione con meno difficoltà.
    Ti saluto e ti invito a sperimentare questa tecnica che sicuramente conosci, vista la tua esperienza.
    Buon tutto! Titty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perchè la conosco, la evito (se tu intendi presentare le operazioni con il multibase nel significato di eseguire le 4 operazioni in varie basi). Sono d'accordo invece sulle operazioni pratiche che devono precedere l'astrazione. Ciao!

      Elimina
    2. Sono felice di visitare il tuo sito, mi ha aiutato tanto nell'insegnamento della matematica con prove pratiche e teoriche e te ne ringrazio.

      Elimina
    3. Ciao Roberto grazie di tutto

      Elimina
    4. Complimenti Giampaolo sei GENIALE

      Elimina
    5. Grazie per il complimento ... esagerato.

      Elimina
  4. ciao! Sono una "maestra" di quarta elementare,lamia classe è particolarmente difficile soprattutto per i problemi disciplinari, che naturalmente interferiscono pesantemente sull'apprendimento...i tuoi progetti mi sono davvero utili in quanto semplici ma efficaci. Ogni volta che devo proporre un argomentomi confronto,virtualmente, con te.Grazie e buon lavoro
    Maria

    RispondiElimina
  5. Caro maestro, un grazie infinito da un genitore in difficoltà. Bravo Bravo Bravo...

    RispondiElimina
  6. Quali sono i multipli di 5,4 e 11 ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I multipli sono infiniti. Ti posso indicare i primi.
      Multipli di 5: 5, 10, 15, 20,25, 30,35, 40, 45, 50, 55, ....
      Multipli di 4: 4, 8, 12, 16, 20, 24, 28,32, .....
      Multipli di 11: 11, 22, 33, 44, 55, ....

      Elimina
  7. Grazie per ciò che pubblichi... ho sempre insegnato altro e da poco mi hanno dato matematica... il tuo materiale è di grande aiuto... soprattutto con i bambini che fanno un po' più di fatica.
    Isabella

    RispondiElimina
  8. Complimenti per la pazienza e lo spirito sicuramente altruista... grazie da una collega che si trova ad insegnare una matematica che conosce, ma che non ha mai insegnato . So di dover acquisire l'uso di un linguaggio disciplinare.....,mi faccio la lezione ad alta voce a casa e poi la ripropongo in classe ...funziona anche grazie all'aiuto che mi viene dal tuo materiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un buon metodo il tuo: pensando a cosa fanno gli insegnanti in orario extrascolastico mi viene inevitabilmente un'ondata di rabbia all'idea di quanto sia sottovalutato il nostro lavoro.

      Elimina