lunedì 15 settembre 2014

Le prime ore in classe - classe prima

La prima attività potrebbe essere rivolta a controllare la capacità di osservare, descrivere e confrontare oltre alla conoscenza dello schema corporeo. Considerato che gli alunni solitamente non si conoscono ancora tra di loro si potrebbe proporre una prima attività in cui i bambini, seduti in cerchio, devono descrivere a turno il compagno che sta loro vicino ( ad es. il compagno che sta a destra) individuando almeno tre elementi di riferimento (ha i capelli ……., ha il vestito ……., si chiama ……..). Al termine di questa attività spieghiamo che adesso i bambini dovranno descrivere non un compagno ma se stessi e non con le parole ma con il disegno. Facciamo prendere il quaderno (che cos’è un quaderno, a cosa ci serve, come dobbiamo aprirlo, su quale pagina dobbiamo scrivere) e facciamo disegnare il bambino scrivendo sotto “IO SONO ………..” oppure solo “IO”.



Una seconda attività potrebbe riguardare l’avvio al concetto di quantità.Si potrebbe raccontare una storiella che serva per attirare l’attenzione, per motivare e funga da elemento di partenza. Io ne propongo una (di mia invenzione), ma si potrebbe adattarne anche tante altre, narrandole e drammatizzandole con i nostri alunni.


“C’era una volta un’ochetta un po’ musona che voleva sempre stare da sola,
perché non sopportava il chiasso. Abitava in un bellissimo laghetto, dove
nuotava tranquilla insieme a moltissimi pesci. Infatti era amica con i pesci
perché le tenevano compagnia e non facevano chiasso (si sa, i pesci sono muti).
E c’erano tanti pesci, di tanti colori, pesci rossi, blu, gialli, verdi,
…….Purtroppo dove ci sono i pesci ci sono anche i gatti che vogliono papparseli.
Così, ogni tanto alla sera, venivano sulla riva del laghetto due gatti che
cercavano con i loro artigli di acciuffare i pesciolini quando si avvicinavano a
riva. E poi litigavano tra di loro: “Miaoo, è mio, miaoooooo”“No, miaoooooo, non
è tuo, è mio, miaaaooooooo”. E andavano avanti così per un bel po’. Ora questi
gatti, miao di qua, mia di là, disturbavano la nostra ochetta che voleva
silenzio. Ci pensò su bene, poi ebbe un’idea. Andò nel punto della riva dove i
gatti si fermavano sempre, con le due zampe scavò una bella buca che, siccome
era vicino al laghetto, presto si riempì d’acqua e poi col becco strappò rami ed
erba e coprì la buca. Si nascose dietro le canne ed aspettò pazientemente che
venisse la sera. Quando ormai il sole si era nascosto, eccoli arrivare i due
mici. Si guardarono intorno sospettosi perché non vedevano nuotare l’oca nel
laghetto. Ed infatti l’ochetta era dietro di loro, uscì all’improvviso dal
canneto, si mise a sbattere le ali ed a starnazzare così forte che ai due mici
si rizzarono i peli sulla coda. Fecero per scappare ma …….splash, dentro alla
buca, dentro all’acqua. Fecero così fatica ad uscirne e si spaventarono così
tanto, che non vennero mai più a minacciare i pesciolini e lasciarono tranquilla
la nostra ochetta.”


Al termine si può chiedere quante ochette c’erano, quanti gatti, i pesciolini erano pochi o tanti? Vogliamo disegnare tutto alla lavagna e sul quaderno?


Si possono proporre quindi schede con esercizi sulle quantità.


La terza attività prende in considerazione le conoscenze pregresse sul numero. L’insegnante finge di intervistare gli alunni per la trasmissione “Diamo i numeri” e chiede: “Sapete cosa sono i numeri? Dove li avete già visti? Voi li usate spesso? Quando, in che occasioni?” Sul quaderno
CERCHIA I NUMERI: 1 A C 3 5 K 7 2 Y.

Una quarta attività potrebbe servire per controllare la situazione concernente la localizzazione di oggetti nello spazio. Si potrebbe far precedere l’attività grafica da qualche gioco in palestra o in classe o, se si vuole una situazione meno movimentata, da frasi pronunciate dall’insegnante. Quando non sono vere i bambini dicono “Bum!”Es:
Andrea è fuori dall’aula Bum
Il cane è dentro la cuccia
Il quaderno è sopra il banco
La testa è sotto i piedi Bum
Si può quindi proporre una scheda sui principali concetti topologici.

Infine una quinta attività potrebbe riguardare la capacità di riconoscere forme, dimensioni e colori utilizzando i blocchi logici o altro materiale presente in classe.

25 commenti:

  1. ciao
    nasoni.antonietta@gmail.com
    grazie se mi mandi qualcosa di pratico come questi ultimi post e una specie di scansione temporale tipo:
    settembre:devo arrivare-...
    ottobre...
    novembre ecc
    grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao
      sono palma, insegno matematica per la prima volta in una classe prima. Ti ringrazio per le utili informazioni e mi associo anche io alla richiesta di antonietta a proposito delle scansioni temporali. Ti ringrazio anticipatamente.

      Elimina
    2. La scansione temporale la trovi cliccando nel menù di inizio pagina su "ELENCO CONTENUTI MATEMATICA" e vedrai che nella classe prima c'è il link per scaricare la scansione in Excel. Comunque il collegamento è questo:
      http://didatticamatematicaprimaria.blogspot.it/p/elenco-contenuti-matematica.html

      Elimina
  2. Devi darmi un po' di tempo: vedrò cosa posso fare

    RispondiElimina
  3. E così tutto iniziò...e fra poco finirà grazie a te e Luisella che ci avete portato fin qui!
    L'ochetta è Oca Roca?
    La tua alunna Agnese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel commento, Agnese, anche se devo dirti che mi ha intristito parecchio! Ma non è ancora finita, hoa ncora un anno per .... dare i numeri ... insieme a voi.
      L'ochetta è un'antenata di Oca Roca.
      Ciao, Agnese!

      Elimina
  4. IO SONO DUNIA MADRE DI UN BAMBINO NATO IL 05/04/2008, STO LAVORANDO CON LUI LE SCHEDE DELLA CLASSE PRIMA, TROVO CHE LUI CAPACE DI FARE TUTTE LE SCHEDE IN POCHI MINUTI , SECONDO LEI SARA UTILE SE LUI VA A SCUOLA PRIMARIA L'ANNO PROSSIMO, O MEGLIO CHE FREQUENTA ANCORA LA SCUOLA MATERNA, COSI INIZIA ALL'ETA DI 6 ANNI E MEZZO. GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco il tuo bambino, non so quali sono i suoi punti di forza o di debolezza quindi non saprei cosa consigliarti nella tua situazione.
      Ti posso però dire che se fosse mio figlio, io gli farei frequentare ancora un anno di scuola materna.

      Elimina
  5. sono gabriella , insegnerò matematica in prima. Ho visto le proposte ludiche per la verifica dei prerequisiti. Volevo chiederle se ha altro materiale. Lelascio la mail
    gabriella.vegini@alice.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, il materiale che ho lo pubblico progressivamente nel blog.

      Elimina
  6. Ciao Giampaolo, seguo il tuo blog da un po' di tempo e lo trovo davvero pieno di stimoli e di spunti per ampliare le attività in classe. Con una collega ho avuto modo di scambiare idee e opinioni sui metodi e sulle metodologie da utilizzare nelle attività didattiche con gli alunni, discorso che vorrei ampliare attraverso letture personali in autoaggiornamento e magari anche corsi di approfondimento. Volevo chiederti, quali sono le metodologie che segui nella tua didattica? Hai testi sulla didattica della matematica da consigliarmi? Grazie per il prezioso lavoro che condividi con gli altri. Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Patrizia!
      Non seguo una metodologia identificabile con nome e cognome e se ti riferisci al metodo Bortolato o a D'Amore devo dirti che non li seguo, convinto come sono che la metodologia migliore sia quella più congeniale all'insegnante perché è l'insegnante che fa il metodo e non il contrario, a mio parere. Ed io non trovo congeniali a me i suddetti metodi. In linea generale per ogni contenuto matematico cerco di partire da problemi, meglio se reali, e di guidare gli alunni alla scoperta autonoma dei concetti implicati. Dopo questa fase cerco di evidenziare e sintetizzare i concetti appresi e di proporre esercizi a livello individuale o di gruppo.

      Elimina
    2. Grazie! Ti disturberò ancora nel corso dell'anno a venire perchè trovo molto stimolante confrontarmi con te! Ti auguro un fantastico anno scolastico 2016/17. Patrizia

      Elimina
    3. Dal 1° settembre sarò in pensione ma penso che continuerò ad aggiornare i miei blog. Quindi l'augurio di un buon anno scolastico lo faccio io a te!

      Elimina
  7. grazie maestro Giampaolo, per tutte le tue indicazioni. Auguri per la tua pensione.

    RispondiElimina
  8. Sono contenta che tu vada in pensione ma ancor di più che tu non voglia abbandonare il mondo della scuola, continuando ad aiutarci qui coi tuoi preziosi consigli. Grazie veramente di cuore!!! Questo sito é fantastico e si vede quanta passione hai messo nel tuo lavoro!

    RispondiElimina
  9. Auguri per la tua pensione!Sei stato, appena ho iniziato ad insegnare, un punto di riferimento indispensabile e ti prego di continuare a mantenere il blog...come farei senza?
    Quest'anno ho una prima. Ho dato uno sguardo alle attività, quali proporre il secondo giorno di scuola? Mi piacerebbe che i bimbi usassero il quaderno, ma ho visto che i tuoi esercizi iniziano verso la fine di settembre Cosa consigli?
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi continuare con le attività descritte in questo post, perché non credo che riuscirai ad esaurirle in un giorno. Puoi benissimo cominciare a far usare il quaderno, magari in relazione alle attività previste sui prerequisiti.

      Elimina
  10. Buongiorno, posso gentilmente chiederle un esempio di programmazione di matematica in prima fino a Natale? Non ho mai lavorato in prima e vorrei farmi un'idea sentendo chi ha molta più esperienza di me. Una domanda specifica è invece a che punto si presentano le operazioni inverse? Grazie mille

    RispondiElimina
  11. Ciao! Mi scuso per il ritardo nella risposta!
    Puoi vedere una scansione temporale dei contenuti a questo link https://www.dropbox.com/s/4ee1xtb8469qc9z/programmazione%20annuale%20prima.xls?dl=0
    Per quanto riguarda le operazioni inverse molto dipende dalla situazione della classe e dalle occasioni che si vengono a creare. Solitamente io lo inizio ad affrontare in seconda (vedi https://didatticamatematicaprimaria.blogspot.it/2011/01/il-rapporto-addizione-sottrazione.html) ma nulla toglie che se si presenta l'occasione se ne possa parlare prima.

    RispondiElimina
  12. Gentile maestro, mi accingo quest'anno ad iniziare un nuovo corso di studi con Matematica in una classe prima. Vorrei seguire la sua scansione temporale degli argomenti. Mi piacciono le sue proposte per le prime ore in classe e a tal proposito potrebbe suggerirmi un link da cui scaricare schede con esercizi sulle quantità per completare la seconda attività? Grazie per il grande lavoro che condivide con tutti noi! Patrizia

    RispondiElimina
  13. Grazie a te!
    Solitamente attività sulla quantità si trovano sui sussidiari o sui quaderni operativi. Puoi comunque guardare qui
    http://www.tiziana1.it/numeri.htm

    RispondiElimina