lunedì 21 dicembre 2015

Calcoli mentali entro il 100 (3a parte) - classe seconda

Propongo qui un necessario esercizio riassuntivo sui casi finora affrontati di calcolo mentale (addizione e sottrazione) od in riga con numeri entro il centinaio.

Prima di ogni altra cosa ecco una tabella con i principali casi affrontati.


Parto come faccio spesso da un breve racconto.

Il pirata Testavuota non riesce più a trovare il tesoro nascosto perché deve decifrare una mappa, ma per riuscirci deve prima risolvere alcune operazioni ed essendo "Testavuota" non ce la fa. Lo aiuteremo noi eseguendo i calcoli.

Consegniamo agli alunni un reticolo, come questo. Per stamparlo fai clic qui o sull'immagine.


A questo punto presentiamo agli alunni alcune batterie di operazioni. Ogni operazione sarà accompagnata da una lettera dell'alfabeto. Una volta che gli alunni avranno scritto tutti i risultati inseriranno in una tabella le lettere corrispondenti ai risultati ed otterranno così le indicazioni per procedere sul reticolo e trovare il tesoro.

Ecco la prima batteria di operazioni, al termine della quale otterranno l'indicazione "tre passi avanti" che eseguiranno sul reticolo.


Al termine della seconda batteria, l'indicazione ottenuta sarà : "sette passi in basso".

Dopo la terza batteria gli alunni vedranno l'indicazione: "sei passi in avanti".



E, infine, dopo la quarta ed ultima batteria otterranno l'indicazione: "due passi in alto".

Eseguendo sul reticolo tutti gli spostamenti indicati gli alunni arriveranno al tesoro.
Puoi stampare la scheda con tutte le operazioni e le tabelle facendo clic qui.

Ecco come gli alunni hanno eseguito il lavoro proposto.




6 commenti:

  1. Cosa vuol dire "batteria di operazioni"?

    RispondiElimina
  2. Trovo bellissimi i percorsi attraverso cui guidi gli alunni nel raggiungimento degli obiettivi, ti seguo e sei diventato per me, che insegno in una seconda, un punto di riferimento. Alcune programmazioni annuali si fermano al numero 100, altre invece vanno oltre. Tu cosa fai in una seconda classe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In modo sistematico arrivo fino a 100, poi, se capita l'occasione e la classe lo consente nulla vieta che si possa parlare ed usare anche numeri maggiori. Ciao e grazie per le tue parole!

      Elimina
  3. Ciao Giampaolo, sto cercando suggerimenti per aiutare mia figlia nella comprensione della sottrazione. Ha ancora difficoltà, soprattutto nelle verifiche. Tu ritieni corretto che le faccia utilizzare la linea dei numeri per i compiti a casa? E sarebbe corretto se la maestra le permettesse di utilizzare questo strumento nelle verifiche? Da quel che so non possono utilizzare alcun aiuto, solo il calcolo a mente. Grazie. Emanuela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo ritengo corretto se ha ancora difficoltà nel calcolo mentale. Per quanto riguarda le verifiche dipende da ciò che la maestra vuole verificare: se intende controllare le capacità di calcolo mentale è evidente che gli alunni dovranno affidarsi solo alla mente. Durante le normali attività invece sarebbe auspicabile che gli alunni che presentano ancora difficoltà possano ricorrere all'aiuto di altri materiali.

      Elimina