martedì 11 ottobre 2016

Le figure solide - classe terza

Matematica per gli insegnanti

Solitamente nella scuola primaria si privilegia la geometria a due dimensioni rispetto alla geometria dei corpi solidi (non colpevolizzatevi, succede anche a me!). Dobbiamo invece riflettere che la realtà che ci circonda e che circonda il bambino è una realtà tridimensionale:  si dovrebbe quindi iniziare lo studio della geometria dal mondo reale, osservando gli oggetti concreti, non figure astratte ed inesistenti. Certamente lo studio della geometria solida a livello adulto è, come dire, più complicato rispetto a quello della geometria piana ma è anche più semplice ed immediato dal lato dell'apprendimento iniziale. Si dovrebbe quindi iniziare con esperienze sui corpi solidi da cui deriveranno le riflessioni sulle figure piane.


Matematica per gli alunni

COMPETENZE
ABILITA’
UNITA’ DI APPRENDIMENTO
Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo.
Descrive, denomina e classifica figure in base a caratteristiche geometriche.
Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, compasso, squadra).
-  Al termine della classe terza l'alunno dovrà:
riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche;
disegnare figure geometriche e costruire modelli materiali anche nello spazio

Per svolgere questa attività è necessario avere a portata di mano diversi solidi appositi oppure oggetti che abbiano la forma dei corpi che andremo a considerare.
Nella galassia matematica gli oggetti hanno strane forme. Le case hanno tutte questa forma (mostriamo un cubo) o quest’altra (mostriamo un parallelepipedo), le torri sono fatte così (mostriamo un cilindro), le montagne hanno queste forme (mostriamo un cono ed una piramide) e poi naturalmente i pianeti sono sferici (mostriamo una sfera).
Disegniamo i vari solidi presentati scrivendone il nome (per ora accontentiamoci anche di costruzioni approssimative, richiedendo però l'uso del righello).

Lasciamo che gli alunni compiano le loro osservazioni e poi concludiamo che tutta la realtà che ci circonda è formata da corpi solidi e che tutti i corpi solidi hanno tre dimensioni: lunghezza, larghezza, altezza.
Distinguiamo i solidi che rotolano da quelli che non rotolano ( i poliedri).



Facciamo riconoscere e contare ai bambini quali e quanti sono i vertici, gli spigoli e le facce dei principali poliedri. Proponiamo poi una scheda come questa. Fai clic qui per stamparla.



Le facce di un solido sono le impronte di un solido e sono figure piane.

Disegniamo sul quaderno il contorno delle facce del cubo, del parallelepipedo, del cono, della piramide scrivendo il nome delle figure piane così ottenute: quadrato, rettangolo, cerchio, triangolo.
Tutte le figure piane hanno 2 dimensioni: lunghezza, larghezza.





Ecco un'altra scheda. Se vuoi stamparla fai clic qui.



Ecco un video da Youtube.




Una verifica scritta dell'U. A. da stampare

Un test sui contenuti dell'unità 1: linee e figure

Una lezione per Lim: dalle figure solide alle figure piane

Ulteriori risorse dal Web

Nessun commento:

Posta un commento